IN CLASSE…INSIEME!


Il lavoro di gruppo è una metodologia didattico-pedagogica attiva la quale permette ai componenti del gruppo di avere a disposizione informazioni e mezzi necessari allo svolgimento del compito che è stato assegnato tramite il confronto tra pari.
Il superamento del modello trasmissivo (in voga fino all’800 come unico modo per fare scuola) ha permesso di considerare l’atto didattico innanzitutto come una relazione fra soggetti attivi, curiosi, competenti, liberi di muoversi e pensare in un ambiente pensato dall’adulto, impegnati in un fare di senso che porti a vivere un’esperienza.

Questa metodologia attiva nacque dall’ispirazione del movimento attivista e socio – costruttivista e pone al centro della sua attenzione i discenti, le relazioni fra questi e le loro esperienze scolastiche significative.
L’insegnante ha ruolo di conduttore del gruppo, progetta e predispone l’attività non fornendo a priori la soluzione del problema proposto, ma saranno i bambini, grazie alle loro conoscenze e competenze, a risolverlo attivamente. È importante tenere presente che l’insegnante, prima di procedere con il lavoro, dovrà tenere conto di molte variabili che potranno caratterizzare lo svolgimento dell’attività, quali spazi, materiali, conduzione del lavoro, ruolo del bambino nel problem solving, ecc.

L’intervento dell’adulto…dovrà essere…molto affettivo e semplicemente in funzione di un aiuto tecnico, ma mai di suggerimento diciamo così ‘artistico’ sul cosa si deve fare. (…) aiutare a fare, quindi, ma non fare idee già fatte. Il bambino deve diventare il più possibile autosufficiente1.

L’insegnante, lasciando che i bambini siano autosufficienti, dovrà accettare ogni soluzione, anche quelle più inaspettate e che, magari, considera “sbagliate”. La didattica dell’inatteso2 è quella che non si fonda su schemi prestabiliti e, per così dire “rassicuranti”, ma aperta ad accogliere cosa succede nella realtà dei fatti (e non nella realtà immaginata/sognata/auspicata dall’insegnante) e sfruttare queste situazioni per andare avanti “fuori dagli schemi”. È impossibile proporre uno schema rigido quando si ha a che fare con individui, tutti diversi e ognuno con le proprie capacità, propensioni, personalità ecc.
I bambini, lavorando in gruppo, hanno anche la possibilità di…

 

Continua a leggere l’articolo su http://isa-voi.blogspot.it/2014/05/gocce-di-pedagogiadella-dottssa-anna_10.html

_______________________________

Note:

[1] B. Munari I laboratori tattili, ed. Corraini, Mantova, 2011, pag. 34

[2] E. Nigris Didattica generale-edizione breve, Guerini scientifica, Milano, 2009, pag. 67

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...