LEGGERE…INSIEME


leggere-300x199

E’ importante dedicare ai nostri bambini del tempo spendendolo in attività “inutili”.

Classico esempio è raccontare delle storie o leggere libri insieme. Avete mai provato a leggere un libretto a bambini molto piccoli (anche solo guardando insieme delle figure e pasticciando un po’ con le pagine)? Finito il primo libro dopo tre secondi arrivano lì con il secondo libro! Oppure alla domanda “ti va se ti racconto una storia?” subito il bambino allarga gli occhi ed è pronto ad ascoltare e, magari a chiedere il bis. Perché accade questo?

I racconti di fiabe, storielle, lo strumento “magico” del libro, nei bambini risveglia e solletica la loro fantasia. Nonostante questa frase sia molto banale è, in realtà, molto vera! I bambini (diciamo dai 2/3 anni in su) trovano nel racconto di storie una vera e propria palestra per le emozioni e per la vita. Attraverso le fiabe, come ci dice anche Bettelheim, tramite i processi di immedesimazione e allontanamento dai modelli proposti, può provare ad assumere ruoli sempre diversi…nel suo mondo inventato! Grazie ai così detti topoi, cioè “luoghi comuni, ricorrenti di situazioni e personaggi” letterari, molte situazioni simili o tipi di personaggi possono ricorrere in molti racconti diversi, dando così modo ai piccoli lettori di scegliere il proprio preferito e viverlo, riviverlo, riviverlo ancora, oppure cambiare tutte le volte!

Insomma, condividere il momento “storie” è sicuramente importantissimo nelle diverse fasi di crescita: è un momento magico che può avere come tramite uno strumento come il libro, può essere accompagnato da immagini (a sostegno di un testo oppure da leggere da sole e da interpretare liberamente, immagini a doppia pagina, a tutta pagina oppure piccole, dettagliate interamente da leggere o solo abbozzate da immaginare, ecc.) oppure il momento della storia può essere di solo ascolto.

Il punto è che tale esperienza ha come solo fine il piacere di stare insieme. Adulto e bambino condividono, così, un momento di profonda intimità emozionale, in cui il bambino, come detto più sopra, si allena alla vita e a immaginarsi in essa, mentre l’adulto si concentra solo ed esclusivamente sulla relazione tra sé e il piccolo (o il gruppo di piccoli, nel caso si trattasse di un insegnante).

A seconda dell’età a cui ci si rivolge è necessario tenere conto nel proporre un testo narrativo dei limiti evolutivi connessi a quell’età sia in termini di vocabolario sia di complessità della struttura linguistica sia per quanto riguarda le preconoscenze sott’intese. Non per questo dobbiamo però mirare al semplicismo, anzi! Rodari incoraggiava gli adulti a usare parole complesse con i bambini e parlare di diverse tematiche, senza però soffermarsi eccessivamente su inutili spiegazioni piene di altre parole, ma bisogna avere in mente a metafora da Rodari stesso utilizzata del “sasso nello stagno”: come un sasso gettato nello stagno produce increspature che si diffondono in tutto lo stagno, sia in superficie, sia in profondità, provocando dei cambiamenti grandi o piccoli, allo stesso modo una parola difficile, un ragionamento complesso, una tematica inusuale… proposti al bambino e non spiegati in modo ridondante (come spesso si fa utilizzando mille parole per spiegarne una) provocheranno delle “increspature”, dei movimenti, dei cambiamenti nel bambino, magari non subito a lui comprensibili, ma che con il tempo matureranno e permetteranno al bambino di acquisire conoscenze sempre nuove.

Da ricordare, ovviamente, non c’è solo la lettura! Ma mille altre attività: lavoretti, disegni, costruzioni, giochi di società, giochi del “far finta”, condivisione di interessi (sport, passeggiate, attività all’aperto) e tutto quello che la fantasia del genitore (o dell’insegnante, o dell’educatore o chi per esso) suggerisca: l’importante è essere centrati sulla relazione, costruirla, fortificarla, far sentire al bambino che lui è per noi importante.

 

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...