“Sempre Domenica” della compagnia CONTROCANTO COLLETTIVO

 

21056155_10203592900339411_6815395800502066487_o

Foto di Chiara Pugliese

Venerdì 25 agosto Libera-mente ha potuto assistere al debutto della rassegna CONvergenze Visionarie, la prima rassegna gestita interamente da ragazzi under 30, grazie all’iniziativa “L’Italia dei Visionari”.

Il primo incontro, tenuto presso Casa Bossi, ha visto come protagonisti i ragazzi della compagnia Controcanto Collettivo  e lo spettacolo “Sempre Domenica”. Continua a leggere

Annunci

IL CASO IN AZIONE

Adoro vedere il Caso in azione,
l’effetto farfalla
che dispiega le ali
e causa tempeste.
Hai mai seriamente pensato
alla bellezza
dell’effetto farfalla?
Come un singolo istante
possa condizionare
gli anni a venire?
Come sarebbe bastato
fare un minimo scarto
dalla strada percorsa
anni fa
per essere in un posto
oggi
totalmente diverso?
Per ogni persona incontrata
c’è una lunga catena
di incastri favorevoli
che ci ha portato ad essa.
Ogni singolo incontro,
ogni singolo paio d’occhi,
piombato sul nostro cammino,
è catalogabile in fondo
sotto questo effetto farfalla
E a me piace pensare
che risieda proprio
in questa assurdità
il senso della vita.
Il senso della vita
mi piace pensare essere
proprio l’assurdo fatto
di non aver senso.
[Dvca – 23/04/2017]

MICROETERNITÀ

Lunghi anni scivolati lentamente,
col costante ricordo di un momento.
Un istante congelato in microeternità,
uno scorcio di felicità
nel dolore quotidiano della tua assenza.
Un paragrafo nel libro della vita,
letto e riletto ogni giorno,
dondolando tra paradiso e inferno,
in attesa di un tuo ritorno.

(10) PUNTI DI VISTA PER UNA SCRITTURA CREATIVA

La nostra scrittrice Veronica Zaga


“Non demonizzarla. L’esteriorità indossa abiti positivi se diventa la testimone visiva dell’interiorità.”

Lo scrittore non ha una vita facile.
Non siate troppo duri con lui/lei. Ci mette tutta la sua buona volontà.
La maggior parte delle volte è un (più o meno) genio incompreso che si spreme almeno mezz’ora per allineare una sola preposizione che indichi un’azione semplice ma con giri di vocaboli il più possibile innovativi.
È un essere seduto davanti a carta, penna e/o computer, con cui trascorre intere giornate.
E oltre alla tendinite, all’artrosi e all’ingobbimento precoce dovuti alla posizione, soffre di ossessioni, spesso di schizofrenia, procurati dal sovraccarico mentale rappresentato dal pensare e dallo strutturare il pensiero. Continua a leggere