LETTURE CONSIGLIATE

Una vetrina dei nostri titoli preferiti.

Vuoi acquistare uno dei libri qui presentati? Clicca sul titolo che preferisci e troverai il sito da cui fare acquisti.

⇒Ultimo piano (o porno totale)

Romanzo stranissimo.

Già dal titolo si accendono curiosità e domande.

Di sicuro non ci aspettavamo un’opera pornografica fine a se stessa e questa nostra attesa non è stata disillusa.

Aggiungere tra parentesi “Porno totale” per noi ha significato fin da subito elevare all’ennesima potenza un concetto artistico (una “Gesamtkunstwerk”, alla Wagner).

Tutto all’interno di Ultimo piano (o porno totale) ha una seconda lettura: da una parte un racconto e dall’altra la metafora della vita, della storia, dell’uomo, della situazione socio-comunicativa odierna.

È una storia da cui non ti scolli perché man mano diventa sempre più intricata.

E tortuosi sono anche i personaggi, la trama e l’ambientazioneContinua a leggere


⇒Anna. Storia di un palindromo

Il romanzo racconta di un medico e della sua paziente Anna, che si incontrano a causa di un malessere di lei; questo sfocia in un assurdo caso clinico senza precedenti e in una storia d’amore appassionata… ma qualcosa non torna.
Si apre così l’indagine del medico e amante attorno al mistero-umano chiamato “Anna”.

I personaggi sono ben pensati e hanno tratti personali molto ben definiti e soprattutto peculiari: è sottolineato egregiamente dal modo di scrivere dell’autore come ciascuno abbia il proprio carattere, pensiero, modo di ragionare, linguaggio.

Continua a leggere


⇒I Dissidenti

I Dissidenti è una storia travolgente e avviluppante, conduce in una realtà che scuote il lettore e lo coinvolge. 

È la storia di Mad, che non riesce a trovare il suo posto nella sua società, un’Italia alternativa a quella che stiamo vivendo ma che ritrae gli stessi anni in chiave differente e inquietantemente simile insieme: è un mondo devastato dalla guerra, dai reality show e dal bisogno di apparire, in cui un gruppo di dissidenti (capitanati dalla star internazionale del rock, Syd Duncan) si sono stabiliti a Volterra per il bisogno e il desiderio di una vita migliore; una vita che si possa chiamare tale, diversa dalla “mera sopravvivenza”. Continua a leggere


⇒Life

Life.

Bruciante come un tatuaggio appena scalfito sulla pelle.

Un thriller psicologico divertente e ingegnoso, intessuto con una precisione che sconfina nella perfezione.

È la storia di Norman, uno scialbo e inetto uomo che si nasconde dietro l’etichetta di artista, in realtà fallito.

Un giorno decide di contattare la ditta Life perché è insoddisfatto della sua vita coniugale… Ma non si aspetterà la reazione che scatenerà.

Vera Q. è una scrittrice che non si perde in pudicizie, un’abile narratrice che crea la giusta atmosfera e la suspense necessaria a rimanere incollati alle parole della sua voce narrante. Continua a leggere


⇒MENDICANTI D’AUTUNNO

Mendicanti d’autunno non è semplicemente un horror, un noir o un dark fantasy. È un libro appassionante e romantico come una poesia amorosa, ma presenta sfumature macabre e sadiche che riflettono un sagace humor nero.

Forse perché, come dice l’autore, l’amore e l’odio sono ammanettati, inseparabili, e non opposti.

Il romanzo si presenta come una rete di storie narrate dai Mendicanti d’Autunno nei boschi a dei ragazzini avventurosi e sconsiderati che osano addentrarsi di notte in quell’oscura vegetazione che, da sempre, rappresenta un “non luogo”, una zona scura, lontana dalla vita quotidiana reale: nel bosco buio e pauroso si vivono esperienze che spaventano, ma che, al contempo, insegnano e aprono gli occhi sulla vita.Continua a Leggere


maxresdefault⇒NICHI ARRIVA CON IL BUIO

Il romanzo “Nichi arriva con il buio” è una lettura matura e introspettiva che racconta, a posteriori, le complicate vicende di un amore tra giovani ragazzi.

La voce di Greta ci accompagna per tutta la storia, che è racchiusa in una lettera destinata a una ragazza molto più giovane di lei, Ecaterina.

È l’uso della prima persona, ma non solo, che permette al lettore di immedesimarsi nei pensieri della narratrice e guardare direttamente negli occhi i personaggi che Greta ci presenta nel ricordare il suo Nichi.

Con questo libro ci immergiamo negli anni ‘80-’90, descritti dalla protagonista in maniera impressionantemente vivida, permettendo al lettore di rivivere (/vivere) quegli anni fatti di musicassette, walkman, band metal e hard rock e delle famigerate boyband, tanto amate dalle teenager (una su tutte, i Take That, negli anni dello scandalo di Robbie Williams).  Continua a Leggere


IMG_0191DONNE AUTRICI: La missione possibile del sesso memore

Non una semplice raccolta di interviste, ma un incontro conviviale di pensieri, ricordi ed emozioni.

In un mondo tanto maschilista come il nostro, oggi sentiamo sempre più parlare di donne, desiderose di emancipazione e di liberarsi dalla sottomissione. Nella realtà dei fatti, però, si assiste a una circostanza in cui la popolazione femminile, oltre a essere vittima di violenze e discriminazioni sia negative sia positive, è costretta ad adottare modelli maschili per dimostrare le proprie competenze e per trovare un posto dignitoso in una società a “misura d’uomo”, dalla facciata asettica e lontana da sentimentalismi, dove impera sovrano il principio della produzione economica.

In questo contesto, gli individui si sono trasformati in numeri e hanno perso la propria fisionomia. Continua a leggere


wp_ss_20160313_0001IL PATTO

«Ho allevato stolti fradici privi di rispetto per se stessi e per il prossimo. Calcolatori, irosi, limitati. Dubito si possa fare di peggio.»

(La Vita, ne Il Patto)

Siamo a Riva Marina, località di mille e qualcosa anime, dove la Vita è avvolta dalla nebbia, mentre la Morte si manifesta come una luce vivida e inesorabile.

Don Pastorino è un prete che non crede più: Dio non esiste, la Morte glielo ha svelato, ponendolo di fronte ad una scelta cruciale per la sua esistenza… futura. La Mietitrice gli lascia una data e un orario da rispettare, le 5: 47. È questo il termine del patto, che prevede un’uccisione in cambio di una vita meravigliosa. Ma il curato è solo una pedina, che si divincola nelle sue stesse spoglie umane, non può nulla contro la potenza e la sagace ironia della Morte. E la sorella, la Vita, si alleerà a lei, per portare a termine un progetto grandioso e inaspettato. Continua a leggere


35OLTRE I CONFINI

Il tema fondamentale di questa trilogia, di cui Libera-mente ha letto il primo volume, Oltre i Confini, è un ossimoro: la realtà del sogno.

La protagonista Lucilla e la sua amante Fantasy sono due Viator Lucis, convivono in una realtà parallela in cui hanno la capacità di ibridarsi, cioè prendere la forma di animali.

A partire dalle terribili visioni di Lucilla, che hanno accompagnato la sua vita reale da quando era piccola e che si rivelano essere dei segni premonitori lasciati dagli Spiriti, inizia un viaggio dimensionale che le farà conoscere altre persone che, come lei, hanno il dono di essere viaggiatori dell’onirico. Continua a leggere


copertinaridotta

In un’ambientazione classica e ben nota agli amanti della letteratura, ovvero la Londra vittoriana, si articola una storia che di classico ha ben poco se non che nell’archetipo della lotta tra il bene e il male, il buio e la luce. Mistero, azione, amore si intrecciano catturando l’attenzione del lettore.

La duologia “i protettori dell’oracolo”  racconta di una congrega di prescelti che combatte i mostri della notte londinese.

Il “Buio”, cioè la prima parte della duologia, potrebbe essere considerato un preambolo, un’introduzione durante la quale vengono presentati i personaggi principali.

luceLa “Luce” è il cuore, e la risoluzione, della vicenda. Si può parlare di un’esplosione narrativa, coinvolgente, ricca di citazioni classiche rivolte ai romanzi Bronte, Austen, ma dai risvolti cupi, bui…”notturne”. Leggi la recensione completa


iosonomortoSi tratta di un racconto a cavallo tra diversi generi letterari (thriller, commedia, noir) che narra del disavventuroso trapasso del fu Pierpaolo Fabbris, obeso, ateo, imprenditore, cinquantenne stroncato da un colpo al cuore.

La storia parte proprio da qui, quando il pover uomo si accorge di essere in obitorio, punto da cui inizia il racconto della serie di eventi “terrificanti” di cui sarà protagonista insieme alla sua famiglia apparentemente perfetta.

Uso il termine “terrificante” come pauroso, sì, perché si parla di un uomo che assiste coscientemente alla propria morte, autopsia e funerale sotto forma di spirito assolutamente legato ai propri resti mortali da una invisibile catena lunga trentatrè passi, da cui non è possibile divincolarsi. Facile capire la frustrazione del defunto quando scopre che la moglie, invece di inumare il cadavere, preferisce cremare il corpo del marito e tenere le ceneri in casa: il pover uomo è, così, costretto ad assistere alla vita quotidiana della famiglia. Una famiglia, appunto, apparentemente perfetta, ma che, in realtà, cela segreti peccaminosi: la madre integerrima, il fratello sempliciotto, la moglie fedele e la dolce figlioletta non sono ciò che sembrano.

Il racconto è anche “terrific”, eccezionale, in quanto si interroga sull’al di là: c’è davvero un Paradiso e un Inferno a cui ognuno di noi è destinato? Esiste un Dio che ci giudica al momento della nostra morte destinandoci alla beatitudine o alla dannazione eterna? Continua a leggere