THE HARD WAY TO UNDERSTAND EACH OTHER

L’Associazione Libera-mente no profit è stata invitata dai Visionari del Teatro Faraggiana di Novara ad assistere allo spettacolo The hard way to understand each other, delicatissimo ed intenso spettacolo.

WhatsApp Image 2018-02-20 at 17.16.07

Foto di Chiara Pugliese

Progetto e regia Adalgisa Vavassori

con Daniele Cavone Felicioni, Gabriele Ciavarra, Clelia Cicero, Julio Dante Greco, Adele Raes

Composizioni sonore Gianluca Agostini

Scenografie Hillary Piras

Costumi Francesca Ariano

Disegno luci Giuliano Bottacin

Organizzazione Carolina Pedrizzetti

con il sostegno di Sementerie Artistiche, Manifattura K, Centro Culturale Rosetum e AIA TAUMASTICA compagnia teatrale

Produzione Teatro Presente  www.teatropresente.it       compagnia@teatropresente.it

Continua a leggere
Annunci

L’Associazione Libera-mente no profit invita dedicare sempre un momento, nelle nostre giornate frenetiche, ai ricordi: ricordare i nostri cari vicini e lontani o dovunque loro siano, riportare alla mente momenti più o meno felici, ma fondamentali per la nostra personale storia.

Per questo stiamo raccogliendo video che ci raccontino i ricordi più o meno lontani nel tempo  che ci portiamo dentro e che ci rendono chi siamo: ricordi spassosi, malinconici, imbarazzanti o teneri. Ogni ricordo è importante.

Vuoi partecipare al progetto “Macchina del tempo: i nostri ricordi“? Condividi con noi alcuni tuoi ricordi mandandoci un video a liberamente.blog1@gmail.com (basta un semplicissimo video selfie fatto con cellulare, noi penseremo al montaggio)

 

 

IL CASO IN AZIONE

Adoro vedere il Caso in azione,
l’effetto farfalla
che dispiega le ali
e causa tempeste.
Hai mai seriamente pensato
alla bellezza
dell’effetto farfalla?
Come un singolo istante
possa condizionare
gli anni a venire?
Come sarebbe bastato
fare un minimo scarto
dalla strada percorsa
anni fa
per essere in un posto
oggi
totalmente diverso?
Per ogni persona incontrata
c’è una lunga catena
di incastri favorevoli
che ci ha portato ad essa.
Ogni singolo incontro,
ogni singolo paio d’occhi,
piombato sul nostro cammino,
è catalogabile in fondo
sotto questo effetto farfalla
E a me piace pensare
che risieda proprio
in questa assurdità
il senso della vita.
Il senso della vita
mi piace pensare essere
proprio l’assurdo fatto
di non aver senso.
[Dvca – 23/04/2017]

MICROETERNITÀ

Lunghi anni scivolati lentamente,
col costante ricordo di un momento.
Un istante congelato in microeternità,
uno scorcio di felicità
nel dolore quotidiano della tua assenza.
Un paragrafo nel libro della vita,
letto e riletto ogni giorno,
dondolando tra paradiso e inferno,
in attesa di un tuo ritorno.