MICROETERNITÀ

Lunghi anni scivolati lentamente,
col costante ricordo di un momento.
Un istante congelato in microeternità,
uno scorcio di felicità
nel dolore quotidiano della tua assenza.
Un paragrafo nel libro della vita,
letto e riletto ogni giorno,
dondolando tra paradiso e inferno,
in attesa di un tuo ritorno.

I PROTETTORI DELL’ORACOLO – BUIO & LUCE

 

LO STAFF DI LIBERA-MENTE HA LETTO PER VOI LA DUOLOGIA I PROTETTORI DELL’ORACOLO DI PATRISHA MAR

https://plus.google.com/u/0/108229278994387825389 )

Continua a leggere

Io sono morto di Vera Q.

Lo staff di Libera-mente ha letto per voi “Io sono morto” di Vera Q.

iosonomorto

 

Continua a leggere

LE INTERVISTE DI LIBERA-MENTE: LUIGI PELLINI

Abito in un paesino dove l’ombra è molto densa e ogni tanto qualcuno ne rimane inghiottito. Scrivere è magia, è creare qualcosa che non esiste, mi ispira la noia.

Libera-mente ha letto per voi Mendicanti d’Autunno di Luigi Pellini.

Ora incontra lo scrittore per un’intervista. Scopriamo qualcosa sullo scrittore dei racconti che hanno intrigato ed inquietato lo staff di Libera-mente

Continua a leggere

NICHI ARRIVA CON IL BUIO

Libera-mente ha letto per voi Nichi arriva con il buio, di Sara Zelda 
 (http://www.sarazeldamazzini.com/)

maxresdefault

Continua a leggere

MENDICANTI D’AUTUNNO

Libera-mente ha letto per voi Mendicanti d’autunno di Luigi Pellini

(https://pensieridatergo.wordpress.com/category/luigi-pellini-2/)

Continua a leggere

(10) PUNTI DI VISTA PER UNA SCRITTURA CREATIVA

La nostra scrittrice Veronica Zaga


“Non demonizzarla. L’esteriorità indossa abiti positivi se diventa la testimone visiva dell’interiorità.”

Lo scrittore non ha una vita facile.
Non siate troppo duri con lui/lei. Ci mette tutta la sua buona volontà.
La maggior parte delle volte è un (più o meno) genio incompreso che si spreme almeno mezz’ora per allineare una sola preposizione che indichi un’azione semplice ma con giri di vocaboli il più possibile innovativi.
È un essere seduto davanti a carta, penna e/o computer, con cui trascorre intere giornate.
E oltre alla tendinite, all’artrosi e all’ingobbimento precoce dovuti alla posizione, soffre di ossessioni, spesso di schizofrenia, procurati dal sovraccarico mentale rappresentato dal pensare e dallo strutturare il pensiero. Continua a leggere