IL SENSO DEI SENSI?

 

dott.ssa Anna Surace

20151104_105842

 I sensi ci mettono in comunicazione con il mondo esterno: tramite i sensi noi esploriamo, capiamo, interpretiamo e interiorizziamo il mondo in cui viviamo.

Continua a leggere

PULCE NON C’è

Mi è stato segnalato da una nostra lettrice un film che prontamente sono andata a cercare e che ho visionato con molto interesse. Il titolo è sicuramente singolare: “Pulce non c’è”.  Continua a leggere

Ciao!! ho un blog su #wordpress e mi piacerebbe ampliare questo progetto…intanto provo a farmi conoscere dal maggior numero di persone possibile e, per questo, ho creato la pagina su #Googleplus , ho un profilo su #instagram e ho creato una pagina di #facebook 🙂 spero che veniate a dare un’occhiata alle #pagina e/o al #sito https://annasurace90.wordpress.com/ e siete calorosamente invitati a darmi #suggerimenti su come#modificare e #migliorare il tutto! commentando qui su facebook o direttamente sul sito #grazie !!

cropped-dscn3187.jpg

FAVOLA DI UN GIORNO DI SCUOLA

C’era una volta una maestra.

In realtà era arrivata a fare la maestra un po’ per caso: dopo la scelta della facoltà universitaria bella e coinvolgente, anni passati in un soffio, si è trovata catapultata nella realtà.

La realtà non canonica, della maestrina di classe presente nell’immaginario collettivo…quella con la gonna al ginocchio, gli occhiali grandi, il sorriso perenne sul viso e la mela sulla cattedra; bensì la realtà della maestra in tuta, seduta per terra, con i pantaloni sporchi, che non segue le regole canoniche (per inesperienza? Perché il ruolo le sta stretto? Mah, non lo sa neanche lei) che vuole stare fuori dalle discussioni e dai battibecchi e che, per la prima volta, ha la responsabilità di seguire due bambini.

Sì, stiamo parlando di una maestra di sostengo alla scuola dell’infanzia: 27 piccole personcine di 4 e 5 anni, di cui due che necessitano di un’attenzione speciale.

La maestra lavora con il cuore, si chiede il perché delle cose che fa, come potrebbe farle meglio, pensa di trovare gli strumenti che le servono negli studi che ha fatto e che continua a fare, di accompagnare la logica alla pancia…a volte ottiene qualche successo, ma molte (davvero tante) esce dalla scuola con un peso sullo stomaco.

A cosa serve il suo lavoro? Lo farà bene e in modo adeguato? Sono domande che la attanagliano.

Continua a leggere