OLD SNAKE

 

Capitolo 6

hakan-şükür-1

 

– Papà, basta. Non vedi com’è zuppo? – Dice Cindy.

– È sempre così, Cindy, – risponde Budd, il padre. – Che cosa vedi di diverso, oggi? Quello fa la spugna da anni e mi meraviglio che il suo fegato non sia ancora scoppiato.

Mi ispeziona con zelo, poi fa scivolare il bicchiere in direzione della mia mascella, tanto spalmata sul bancone che sembra amalgamata al legno…

Continua a leggere

(10) PUNTI DI VISTA PER UNA SCRITTURA CREATIVA

La nostra scrittrice Veronica Zaga


“Non demonizzarla. L’esteriorità indossa abiti positivi se diventa la testimone visiva dell’interiorità.”

Lo scrittore non ha una vita facile.
Non siate troppo duri con lui/lei. Ci mette tutta la sua buona volontà.
La maggior parte delle volte è un (più o meno) genio incompreso che si spreme almeno mezz’ora per allineare una sola preposizione che indichi un’azione semplice ma con giri di vocaboli il più possibile innovativi.
È un essere seduto davanti a carta, penna e/o computer, con cui trascorre intere giornate.
E oltre alla tendinite, all’artrosi e all’ingobbimento precoce dovuti alla posizione, soffre di ossessioni, spesso di schizofrenia, procurati dal sovraccarico mentale rappresentato dal pensare e dallo strutturare il pensiero. Continua a leggere

ANNA, STORIA DI UN PALINDROMO

Libera – mente ha letto “Anna, storia di un palindromo” di Francesco D’Isa (http://www.gizart.com/)

anna_frontcover_prima-680x1076

 

Continua a leggere

I DISSIDENTI

Libera – mente ha letto il romanzo “I Dissidenti” di Sara Zelda Mazzini  (http://www.sarazeldamazzini.com/)

cover_intera_150dpi

 

I Dissidenti è una storia travolgente e avviluppante, conduce in una realtà che scuote il lettore e lo coinvolge.  Continua a leggere

OLD SNAKE

di Veronica Zaga

Capitolo 4

Regola n° 1: tutti i membri del B-team devono rimanere fedeli al B-team.

– Sarà la trentesima volta che me lo rinfacci, papà. – Dice Caesar a Carter, con la sua voce nasale.
– Non sarà mai abbastanza, figlio. Hai commesso un errore che annienterà il tuo futuro.
– (Ma che futuro?) … E poi decido io della mia vita.
– Non fin quando ti sfamo e non ti sarai guadagnato il diritto di un cavallo tutto tuo. Continua a leggere

OLD SNAKE

di Veronica Zaga

Capitolo 3

ggggggg

Cinque in punto.

Gustave non sbaglia mai.
Credo che Stevenson alla sera lo carichi come una sveglia. Dopo averlo accarezzato su quella cresta mozza che si ritrova, lo mette nel pollaio e gli dice:
– Domani mattina sempre puntuale, eh.

E io grazie al gallo non faccio mai tardi.
Non potrei permettermelo, dato che sono il proprietario della locanda.

Adesso mi alzo dal letto, lo giuro, mi tiro su nonostante il mio sedere pesante.

 

Ho sessant’anni suonati.
Non mi guardo allo specchio perché ormai non lo reputo necessario.
Altrimenti vedrei un vecchio più largo che alto, con un’aureola di capelli ingrigiti sul capo e la pelle secca e rugosa.

 

Su di me il tempo si è divertito ad incidere cicatrici e deformità.
Dopotutto, sono un lottatore.

 

Continua a leggere